This website uses cookies. By using the site you are agreeing to our Privacy Policy.

27.07.2020

Mattia Voso: GFX 50S On The Road

Destinazione grandi parchi nazionali degli Stati Uniti, quale occasione migliore per una prova su strada di Fujifilm GFX 50S!

Viste sconfinate, colori fantastici, paesaggi surreali… un viaggio di più di 2000 miglia. Nello zaino oltre a GFX c’è posto anche per l’obbiettivo Fujinon GF23mmF4 R LM WR ed il GF32-64mm F4 R LM WR.

Nella prima parte del viaggio sono passato dal grande caldo della California e dell’Arizona fino allo Yutah ed il Nevada. In questi stati si incontrano meraviglie come Half Dome nel parco di Yosemite, il Grand Canyon e la Monument Valley icona del West americano.

Avere una macchina Large Format da 51,4 megapixels è l’ideale per la fotografia di paesaggio, ricchezza di dettagli e ampia gamma dinamica sono caratteristiche assicurate da questa Fujifilm. Sono rimasto impressionato dalla nitidezza eccezionale a tutti i diaframmi ed ai bordi dell’immagine del GF23mm. Un grandangolo immancabile più di ogni altra ottica per i soggetti che avevo intenzione di riprendere durante questo viaggio.

  •        

     

  •        

     

Seconda tappa, lo Utah, con le sue infinite sfumature di rosso ed arancio degli splendidi Antelope Canyon e Bryce Canyon. Non sono mancate delle prove di resistenza per l’attrezzatura. I canyon sono ricoperti di sabbia portata dal vento. All’interno dell’Antelope Canyon piove letteralmente sabbia, dopo qualche ora di riprese l’attrezzatura ne era completamente ricoperta! Nessun intoppo comunque, le guarnizioni hanno fatto il loro dovere e l’autofocus non ha dato nessun problema!

  •               

     

Terza tappa il Wyoming con il parco Yellowstone. Che dire, qui la natura si è sbizzarrita tra Geyser, cascate, vette innevate e gli immancabili orsi e bisonti! Sfruttando lo zoom GF32-64mm ho potuto riprendere i soggetti più vari, dal Grand Prismatic Spring alle Lower Yellostone Falls.

La tappa finale è stata la surreale Death Valley, che ha messo a dura prova il fotografo più che il corredo fotografico. Temperature oltre i 50°, ma nessun problema alla macchina fotografica. Ottiche, mirino EVF e autofocus, tutto ha funzionato alla perfezione!

  •        
  •        

Viaggiare è sempre una grande emozione per me, e le esperienze inaspettate sono ancora più belle di quelle pianificate. Non ho avuto pensieri o preoccupazioni legati al corredo fotografico, avendo così più tempo ed energie per cercare gli scatti che avevo sognato e soprattutto quelli che neanche mi ero immaginato.

Mattia Voso: fotografo professionista, tra i fondatori della scuola di fotografia YouCrea! Di Firenze. http://www.youcrea.it/

  •        
  •